Loading...
Home2018-10-19T18:34:50+00:00

II Casa di Reclusione di Milano – Carcere di Bollate

IL PROGETTO

La II Casa di Reclusione di Milano – Bollate è attiva dal dicembre 2000 e sin dalla sua apertura si è caratterizzata come Istituto a vocazione trattamentale con l’obiettivo di realizzare su “ grande scala” un progetto a custodia attenuata volto alla graduale inclusione sociale dei detenuti. Il modello gestionale si fonda sui seguenti principi: Responsabilizzazione dei detenutiSicurezza fondata su una vigilanza dinamica ed integrata tra gli operatoriForte integrazione con il territorio.

La Vision dell’Area Educativa

Le azioni pedagogiche e in genere l’idea della possibilità di cambiamento vengono associate spesso unicamente all’età adolescenziale, quando, cioè, la struttura di personalità è in divenire e si può incidere sulle scelte di vita e sulla costruzione identitaria. In tale ottica l’età adulta diviene un punto di arrivo ma anche di non ritorno.

In realtà le teorie andragogiche da tempo evidenziano quanto l’età adulta non abbia caratteristiche di stabilità ma si presti a varie transizioni nel corso di essa.
L’idea “rigida” dell’adulto come meta si lega ad una visione “mitica” di esso e mal si colloca in una società – come quella attuale – nella quale l’adulto si trova spesso a vivere mutamenti di rilievo, quali la separazione (e la riorganizzazione degli assetti familiari) o la perdita del lavoro (e la conseguente necessità di riqualificarsi).

La popolazione detentiva adulta – spesso proveniente da ambienti sociali degradati – può altresì scegliere la via del cambiamento (che ovviamente deve nascere da una scelta) e le strutture penitenziarie si devono fra carico di offrirne la possibilità.

L’organizzazione

Il compito della Direzione è quello di stabilire gli obiettivi dell’Istituto e cercare di raggiungerli attraverso il coordinamento delle Aree di cui si compone la struttura ( Area Sicurezza, Trattamentale, Segreteria, Amministrativo – Contabile) e le interlocuzioni con gli altri servizi ( Servizio Sanitario, Ser.T.).

La Direzione, in sostanza, fissa la linea d’indirizzo della struttura nell’ambito delle direttive emanate dal Provveditorato Regionale e dal Dipartimento. Il primo Direttore della II Casa di Reclusione di Milano – Bollate è stato il Dr. Luigi Pagano, oggi Provveditore Regionale dell’Amministrazione Penitenziaria.

Dal 2002 al 2011 la Direzione è stata affidata alla D.ssa Lucia Castellano, oggi Dirigente Generale dell’Esecuzione Penale Esterna. Dal giungo 2011 a settembre 2018 il Direttore è stato il Dr. Massimo Parisi che si avvalse del prezioso contributo del Direttore Aggiunto D.ssa Cosima Buccoliero in servizio presso la struttura dal 2002. Oggi il direttore Direttore Reggente è il Dott. Fabrizio Rinaldi.

Eventi

Oltre la Barriera – Atto IV

La IV Edizione di “Oltre la Barriera. Una partita da vincere!”, Progetto educativo, sportivo e di inclusione sociale di “INTERCULTURA [...]