Oltre la Barriera – Atto IV

La IV Edizione di “Oltre la Barriera. Una partita da vincere!”, Progetto educativo, sportivo e di inclusione sociale di “INTERCULTURA 2.0 La città plurale. Verso un nuovo umanesimo” anche quest’anno si è svolta all’interno della II Casa di Reclusione di Milano-Bollate il pomeriggio di martedì 29 maggio 2018 in collaborazione con l’Area Educativa.

Oltre 70 le persone giunte dalla Toscana, Lombardia, Veneto, Umbria, Lazio ed Emilia Romagna.

Due gli eventi in programma.

Al Campo Sportivo il triangolare di Calcio a 8 sotto la direzione arbitrale di Gennaro Testa, già arbitro di Serie A e docente di antropologia e sociologia dello Sport presso l’Università di Firenze, coadiuvato da Mara Ceccatelli e due guardalinee. Come è nello spirito del Progetto le “rose” delle squadre – “rossi”, “gialli” e “verdi” – erano “miste”, cioè composte da calciatori professionisti, dilettanti, detenuti. Per la cronaca ha vinto la squadra dei “rossi” con consegna, al termine, delle medaglie a tutti i partecipanti da parte dei tre capitani: Ivan Pelizzoli (ex portiere della Nazionale), Damiano Tommasi (presidente Associazione Italiana Calciatori) e Mattia Chiosi (Assessore alla Cultura e Sport della città di Figline e Incisa Valdarno).

Con un orario leggermente differito, in un’area all’aperto del Reparto Femminile, la Compagnia Teatrodaccapo, con in testa i registi e attori Max Fenaroli e Marcello Nicoli, la coreografa Pierclaudia Molari, i trampolieri Angelo Ceribelli e Natalia Russi e la ballerina/attrice Silvia Sulis, hanno svolto il coinvolgente evento teatrale e coreografico dal titolo: “Corpi mobili, corpi in gioco, corpi in libertà” con la presenza di una sessantina di detenute.

Lo storico Gruppo degli Sbandieratori dei Borghi e Sestieri Fiorentini hanno aperto entrambe le manifestazioni effettuando poi un “tour” raggiungendo altri Reparti dell’Istituto.

Un grazie speciale al giornalista Rai Gianni Bianco che ha condotto l’evento al Campo Sportivo effettuando, tra il resto, alcune interviste riprese da una troupe del TG3 che sono andate in onda il giorno successivo nell’edizione nazionale delle ore 19 con alcune immagini salienti dell’evento sportivo. https://rerum.eu/2018/05/31/rai-tg3-del-30-05-2018-oltre-la-barriera-una-partita-davincere-iv-edizione/

Lo stesso sentito grazie a Gianni Agostino, prezioso collaboratore di Rerum per questo Progetto, nonché frizzante e vivace telecronista in campo.

Forte il legame e la nostra gratitudine verso gli amici dell’Asd QUARTOTEMPO Firenze. Gradita la presenza, a bordo campo, di alcuni giovani dell’Associazione ESF (Educatori Senza Frontiere).

Un grazie particolare per il fondamentale sostegno a Fondazione Migrantes.

Ancora una volta puntualmente si è toccato con mano come il “dono”, la “gratuità” generino in modo sorprendente e contagioso, pur tra persone magari sconosciute sino a poco prima e diverse per età, storia, cultura, religione,.. modalità di convivenza e di sincera amicizia. In pratica tutto ciò che potrebbe essere ritenuto normalmente motivo di divisione, diventa una straordinaria opportunità per fare un piccolo o grande, comunque significativo, tratto di strada insieme.

Un grazie all’amico Francesco Mondello e a tutti i suoi colleghi del IV Reparto; agli amici RobertoAlberto, Claudio, Gabriele, Angela e a molti altri di cui non siamo in grado di ricordare i nomi, ma i volti sì!

Ed infine, ma non certo per importanza, una menzione speciale ai cuochi del 1° Reparto per la cena da loro preparata per tutto il nostro numeroso gruppo.

Si ringrazia Alessandro Piazza di “DIUC Service” per la fornitura ed assistenza tecnica e Johnny Ghinassi, fotografo sociale.

2018-10-16T15:58:06+00:00